Gonadotropina Corionica Umana HCG

Gonadotropina Corionica Umana HCG

L’alterazione del tasso di crescita dei livelli di hCG, insieme ad anomalie ecografiche, potrebbero indicare la presenza di anomalie che richiedono l’intervento medico. In altre occasioni, i livelli di hCG potrebbero essere più alti dell’atteso durante la gravidanza e non diminuire al termine della stessa o dopo aborto. Nel caso in cui il test venga utilizzato come marcatore tumorale, livelli elevati di hCG possono indicare la presenza di un tumore a cellule germinali o GTT. I livelli di hCG risultano aumentati in presenza di malattia trofoblastica gestazionale e in alcuni tumori a cellule germinali (siano essi benigni che cancerosi). Pertanto, la misura dell’hCG viene considerata un utile strumento nella diagnosi e nel monitoraggio di questi tumori.

Beta hCG: Cos’è? Valori e Significato in Gravidanza

Solitamente, se effettuato in maniera corretta, il test di gravidanza ad uso domestico fornisce risultati sovrapponibili a quelli dei test di laboratorio urinari. I test effettuati su sangue sono invece caratterizzati da una maggiore sensibilità; possono fornire risultati positivi quando i test urinari risultano ancora negativi. Tuttavia, se effettuato troppo precocemente, potrebbe fornire risultati falsamente negativi dovuti al momentaneo mancato raggiungimento di livelli di hCG rilevabili. Nel caso in cui si sospetti fortemente una gravidanza, è opportuno ripetere il test dopo alcuni giorni. I livelli di hCG possono essere alterati anche nel caso in cui il feto risulti portatore di difetti cromosomici come quelli responsabili della sindrome di Down.

Cosa sono le gonadotropine?

  • HCG è l’ormone utilizzato nei test di gravidanza per rilevare se è in corso una gestazione, tale test viene eseguito nelle urine o attraverso le analisi del sangue.
  • La permanenza di livelli elevati di hCG potrebbe significare la non completa rimozione del Raccolta di cellule che condividono la stessa funzione nell’organismo come il tessuto muscolare o renale.
  • Quando le concentrazioni di hCG non tornano a livelli non determinabili, potrebbero indicare la presenza di tessuto secernente hCG che necessita di essere rimosso.
  • Tuttavia, in assenza di alternative, la preparazione di hMG fu accettata sia dalle agenzie regolatorie che dalla comunità scientifica”.

Dalle cellule del trofoblasto ha origine la placenta, che continua a produrre hCG; col tempo comincerà essa stessa a produrre progesterone e, a questo punto, il corpo luteo non servirà più e si atrofizzerà. Nota per essere associata alla gravidanza, la sua principale funzione consiste nel provvedere al mantenimento della gestazione, favorendo un ambiente ormonale e tessutale adeguato allo sviluppo dell’embrione. Oltre a questa utilità, l’hCG viene utilizzato per innescare il picco di LH nei trattamenti di riproduzione assistita. La somiglianza esistente tra questi due ormoni consente l’uso di hCG esogeno per indurre un picco di LH, attivando così le reazioni a cascata che inducono detta maturazione. Nella fase luteale, l’hCG è responsabile del mantenimento del corpo luteo prodotto dopo la rottura del follicolo e grazie a questo viene mantenuta la produzione di progesterone. Questo ormone è necessario affinché avvenga la ricettività endometriale e l’impianto dell’embrione.

Si può rilevare la sua presenza nel sangue e nelle urine della futura mamma già a partire dalla seconda settimana dopo il concepimento, poi la sua concentrazione aumenta rapidamente. La misurazione dell’hCG nel sangue ripetuta a distanza di ore serve a valutare l’andamento delle fasi iniziali dell’attesa. La produzione di hCG aumenta costantemente durante il primo trimestre (8-10 settimane), raggiunge il picco massimo intorno alla 10° settimana dall’ultimo ciclo mestruale. Poi i livelli di hCG diminuiscono lentamente durante le successive settimane di gravidanza e non sono più determinabili dopo poche settimane dal parto. La gonadotropina corionica umana viene prodotta dalle cellule pre-embrionali (sinciziotrofoblasto) che daranno poi origine alla placenta, subito dopo l’impianto nell’utero dell’ovulo fecondato.

I test effettuati sull’urina sono in grado di rilevare circa 200 sostanze, inclusi gli steroidi ed altre sostanze anabolizzanti, l’eritropoietina e anche agenti mascheranti, ossia sostanze assunte per mascherare l’assunzione di dopanti, generando risultati falsamente negativi. La lista delle sostanze per la quali deve essere effettuato lo screening viene fornito dalle società sportive. Se non trattata, questa condizione può provocare insufficienza epatica e renale ed emorragia gastrointestinale e portare alla morte. Alla fine degli anni ’40 era disponibile un Fsh di origine animale (Pmsg o gonadotropina sierica di cavalla gravida) utilizzato per la terapia dell’infertilità femminile e maschile insieme alla gonadotropina corionica umana. Venivano usate con un protocollo in due fasi che prevedeva la stimolazione ovarica con gonadotropine animali seguita dall’induzione dell’ovulazione con hCG.

Quest’altro ormone viene prodotto nell’ipotalamo in modo tale da stabilire un asse di regolazione ormonale noto come asse ipotalamo-ipofisi-gonadi. Per quanto riguarda gli uomini, l’ormone follicolo stimolante induce il processo che porta allo sviluppo degli spermatozoi, mentre steroidi Lh stimola il testosterone. Livelli molto elevati di hCG possono essere presenti in corso di GTT e in una normale gravidanza. Tuttavia, nel corso di una normale gravidanza, i livelli di hCG aumentano ad un ritmo costante, raddoppiando circa il loro valore ogni ore.

Quel che conta non è soltanto il valore assoluto della concentrazione di hCG ma anche il suo progressivo aumento nel tempo. Un arresto della progressione attesa di hCG o una successiva discesa possono indicare un’interruzione spontanea della gravidanza. Al contrario, livelli molto elevati di hCG possono essere indicativi di una gravidanza gemellare o di una possibile complicanza come una gravidanza molare. Per questa ragione il test di gravidanza delle urine “fai-da-te” e quello di laboratorio che si effettua su un campione di sangue impiegano un reagente che riconosce in modo specifico la subunità beta della hCG. È prodotta dalle cellule del trofoblasto, il precursore del tessuto placentare che circonda l’embrione nelle prime fasi del suo sviluppo.

L’ormone follicolo stimolante permette lo sviluppo e la produzione degli spermatozoi negli uomini e la maturazione degli ovuli nelle donne (durante la fase follicolare del ciclo ovarico). Quando la donna è in età fertile, in occasione del ciclo mestruale, ogni 28 giorni circa, matura un follicolo ovarico che produce estrogeni, gli ormoni che regolano la fecondità femminile, nel corso del suo sviluppo. La gonadotropina corionica umana (hCG) è un ormone prodotto dalla placenta nelle donne in gravidanza. Il test di gravidanza rileva l’hCG nel sangue o nell’urina per la conferma o l’esclusione di una gravidanza. Nelle donne che non hanno intrapreso una gravidanza e negli uomini, l’HCG non è presente o lo è in quantità minime. Al di fuori della gestazione, il riscontro dell’incremento delle concentrazioni di gonadotropina corionica umana nel sangue è indicativo di alcune condizioni patologiche, come una malattia trofoblastica gestazionale o alcuni tumori benigni e maligni dell’ovaio e del testicolo.

Dal punto di vita strutturale, si tratta di un eterodimero, cioè una molecola formata dall’unione di due subunità – alfa (α) e beta (β) – di natura chimica differente. Puoi sempre consultare le recensioni dei medici sul nostro sito per avere ulteriori informazioni sui nostri professionisti. Il prezzo massimo per ogni prestazione è calcolato sempre con l’obiettivo di mantenere accessibili le nostre prestazioni. Il costo per una visita specialistica può variare, ma il range di prezzo è sempre indicato sul nostro sito durante la fase di prenotazione in maniera trasparente. Vediamo allora quando e perché viene prescritto il dosaggio di questi ormoni e come interpretare i risultati delle analisi.

La gonadotropina corionica umana è prodotta dall’embrione e ha un ruolo fondamentale, poiché consente al corpo luteo di produrre progesterone e questo ormone è necessario per mantenere la gravidanza nelle sue fasi iniziali. Oltre che nell’urina, la beta-hCG è presente nel circolo sanguigno e un semplice esame del sangue fatto in laboratorio permette non solo di rivelarne presenza o assenza ma anche di quantificarne i livelli. Questo esame può essere utilizzato come test molto precoce di gravidanza, visto che la concentrazione di beta-hCG nel sangue può essere misurata già 7-10 giorni dopo il concepimento. La Beta hCG (comunemente chiamato “ormone della gravidanza”) è una sostanza chimica prodotta dal trofoblasto, un tessuto che si trova nelle fasi iniziali di formazione dell’embrione e che darà successivamente origine alla placenta. È parte della famiglia delle glicoproteine e consiste di due subunità (catene Alfa e Beta).

Leave a Comment

Adresa ta de email nu va fi publicată. Câmpurile obligatorii sunt marcate cu *